BIO

Studio della luce, dei materiali, delle superfici, in studio e location

INSTAGRAM             FACEBOOK

Mattia Valerio

Fotografo pubblicitario con base a Napoli, si specializza nella fotografia di prodotto e beauty ed annovera tra i suoi clienti Mariano Rubinacci, LIU.JO, Hublot, Scaramuzza Modo, l’Aeroporto Internazionale di Napoli, varie Università tra cui la UNISA e Suor Orsola Benincasa. Produce, inoltre, fotografie destinate a libri d’arte, tra cui uno dedicato a San Domenico Maggiore. Crea produzioni fotografiche per e-commerce di Industrie di rilievo tra cui Sol Group e Meca, per brand che producono accessori di lusso per il cinema e l’advertising con fotografie Beauty a personaggi del mondo dello spettacolo. Dirige inoltre spot pubblicitari trasmessi su Sky e Mediaset. La ricerca in campo fotografico lo porta a realizzare mostre personali, commissionate tra Napoli e Parigi.

Exhibition

“Le Charme des Produits” o “Il Fascino dei Prodotti” – Parigi, Giugno 2015

Mostra fotografica organizzata dallo scrittore e pubblicitario Michele Citro e dal fotografo Mattia Valerio presso la Galleria d’Arte e Cultura La Cachette (10, rue Mandar – Parigi) dal 19 al 29 giugno 2015.
Scopo dell’evento è valorizzare la maestria artigianale di alcuni prodotti perlopiù di fattura campana (gioielli, sculture, oggetti industriali, ecc.) tramite una rassegna di scatti artistici in grado di metterne in risalto le qualità estetiche al di là di quelle meramente commerciali.
La logica dell’uso e dell’utile cede dinanzi al bello. Il prodotto, opera d’ingegno e mano umana, diviene veicolo privilegiato di trasposizione della materia in linee, forme e luce.

Mostra commissionata dall’Universita Suor Orsola Benincasa – Agosto 2014

L’idea alla base di Forme. Il tempo dei gioielli nasce dalla volontà di creare connessioni artistiche trasversali che suggeriscano in maniera suggestiva letture alternative di tipo materiale ed immateriale: trovare dunque una collaborazione tra un particolare del gioiello e uno della cittadella universitaria di Suor Orsola Benincasa, esaltarne gli andamenti attraverso un procedimento di astrazione, percorrerne le linee esteriori, rappresentarne un soffio d’anima.
Nascono così dittici fotografici – realizzati con la tecnica del basculaggio, al fine  portare lo spettatore a vedere il punto nodale dell’opera che  rappresentano e presentano, in un dialogo iconico, i gioielli esposti.

INSTAGRAM             FACEBOOK